| home | bio | kart | gallery | cv | libri | varie, eventuali e anche non... |

Visita i siti:














Scrivimi...


Biografia (piccola piccola....)

La vita! Chissa' poi chi ha deciso che dobbiamo vivere ed essere cosi' come siamo, cosa siamo dovuti diventare, in che modo passare il tempo che ci e' stato dato a disposizione e del quale nemmeno sappiamo la durata.

Mentre sto scrivendo queste righe sono passati 35 anni da quel 28 Giugno 1971 (era un Lunedi', alle 7,55) quando ho smesso di far tribolare mia mamma per mettermi al mondo ed ho iniziato a farla tribolare per starmi dietro. Credo che il paese di Dossobuono in provincia di Verona non fosse come e' adesso, o almeno, io me lo ricordo grandissimo ma solo perchè ero piccolo io e con tantissime case, ma ora sicuramente ce ne sono di più.

Nel 1977, dopo 2 anni di onorata partecipazione al campo giochi e alle aule dell'Asilo del paese, inizio la mia avventura nel mondo della scuola elementare "Vittorio Locchi", patriota, sempre in quel di Dossobuono, sotto il rassicurante sorriso della maestra Maria Sega. Quando e' l'ora di diventare un po' piu' grande e cominciare a fare sul serio, non mi resta che dar prova di me alle scuole medie statali del mio paese.

In quegli anni la famiglia arriva ad essere quella di adesso, papa' Italo (ferroviere Capo Treno) e mamma Silvana (casalinga) decidono che a farmi compagnia ci dovranno essere mia sorella Tiziana (Novembre 1972) e mio fratello Luca (Ottobre 1978).

Le scuole superiori le frequento a Verona, all'I.T.I.S. "G. Marconi" e riesco a diplomarmi in Elettronica nel 1990. Forse e' da lì che inizia tutto. Da li' si comincia a fare sul serio e a diventare veri ometti. A 19 anni inizio già a lavorare nel mondo dei computer e dell'informatica, occupazione che tutt'ora esercito. Così come gli anni '80 sono stati gli anni della mia adolescenza, gli anni '90 sono diventati quelli della mia gioventu' e della mia maturita'. In quegli stessi anni sono andato a vivere a Villafranca, a 5 km da Dossobuono. Pochi se ci penso adesso, troppi per chi come me in quegli anni non riusciva a muoversi autonomamente (il motorino? Scordarselo! E per la macchina occorreva aspettare qualche anno per avere l'eta' della patente)

Pero', cosa vuol dire vivere? Mangiare, dormire, lavorare, divertirsi....? O forse cercare di realizzare i proprio sogni? Continuare ad inseguirli anche se sembrano irraggiungibili, impegnarsi, lottare, fare sacrifici per cercare di essere come si voleva essere quando da piccoli ci chiedevano "e tu? Cosa vuoi fare da grande?" Io rispondevo "l'astronauta", oppure "il ferroviere" o "il pilota di Formula 1". Sul treno mi ci ha portato una volta mio papa' e (non ditelo a nessuno!), il macchinista, suo amico me l'ha fatto guidare tenendomi sulle sue ginocchia! Figo, eh? Ora invece sono diventato un pilota, un piccolo pilota di kart, forse non bravo (ma fino alla gara scorsa ero più scarso), forse non famoso (anche se fino alla gara scorsa mi conoscevano in meno), forse non abbastanza veloce (ma vi prometto che la prossima gara migliorero' il mio record). Impegnandosi, cercando di capire, imparando, lottando, anche, e facendo per dimostrare di essere bravo o semplicemente per meritare di essere chiamato pilota. Ed ora scusatemi.....devo sentire se alla Nasa cercano qualcuno! Magari un pilota..... ;-)

A presto....

QUI una piccola raccolta delle mie foto......


By Paolo "Koz" Cosaro